Elezioni dei genitori

L'altro giorno si sono svolte le elezioni al liceo di uno dei miei figli. Al solito mi sono candidata... beh, dire che mi sono candidata è in effetti una forzatura visto che ero unica candidata e unica elettrice! Chissà poerchè tanti genitori sono sempre pronti a intervenire con critiche e poi hanno così poco interesse a non dedicare neanche una mezz'ora per scegliere un rappresentante!

E' vero che i famosi decreti delegati si sono svuotati ormai del tutto e perlomeno dal punto di vista dei genitori non hanno alcun significato, ma non è forse anche colpa di noi genitori che con la nostra scarsa partecipazione abbiamo noi stessi delegittimato questi ruoli?

Non so... certo è che io sono anche contenta di dedicare un'ora 3-4 volte l'anno alla scuola di mio figlio, ma partecipando ai consigli di classe con la delega del mio solo voto poi non mi sento neanche tanto in grado di rappresentare o di cercare di esercitare un ruolo realmente di partecipazione e non di mera presenza.

Sensazioni di non rapporesentanza e di inutilità che l'anno scorso ad esempio, provai durante il consiglio di classe di marzo. Al solito i prfessori fecero il loro solito excursus sul comportamento chiacchieroso e il profitto, materia per materia. Lamentandosi quasi tutto, dell'uno e dell'altro. Io provai a intervenire, spiegando che 28 ragazzi di 16 anni, se pure dicono mezza parola ciascuno, un po' di rumore di fondo lo fanno e che tutto sommato, per ammissione dei prof stessi, non erano nè maleducati nè bulletti nè portatori di gravi comportamenti! Ma soprattutto provai a dire che non mi sembrava una classe che non si impegna se dovevo valutare da mio figlio che studia molte ore al giorno per ottenere risultati a volte buoni a volte poco più che sufficienti. Beh... mi risposero che  sì, in effetti loro sono dei professori con aspettative e richieste molto alte, più del normale!

Io mi sentii un po' presa in giro sinceramente... e sentii di non poter rispondere proprio perchè ero lì con l'unica forza del mio voto.