Prepararsi all'adolescenza

Molti genitori si predispongono ad affrontare l'adolescenza dei loro figli come se si preparassero a una battaglia. Ricordano magari una adolescenza difficile sulla propria pelle oppure temono di non essere in grado di affrontare gli eventuali conflitti e intanto vivono con preoccupazione le vicende di altri genitori con figli più grandi.

E si preparano così nel modo peggiore, perchè quello che succede nelle altre famiglie è una storia a sè e perchè i nostri figli che crescono adesso hanno un po' meno bisogno delle nostre coccole e un po' di più della nostra forza nel lasciarli andare.

E non solo... hanno bisogno di più spazio per se stessi, di una maggiore condivisione con il gruppo dei pari, soprattutto hanno bisogno di staccarsi da noi, che è indispensabile per crescere ma non è facile.

E tanto più il rapporto con i genitori è stato facile, tanto più sarà difficile staccarsi da loro ma c'è qualcosa che serve a favorire questo momento, per quanto paradossale possa sembrare: il contrasto.

Non è negativo il contrasto genitori-figli: serve a staccarsi e staccarsi per loro è indispensabile. La prima cosa da fare per accettare serenamente che i nostri figli stanno crescendo è accettarlo, accettare che crescano e che si stacchini da noi, gradualmente; e ciò presuppone anche che il nostro rapporto con loro cambierà.

Ma saranno sempre i nostri figli. In modo diverso però. Non saranno più i teneri cucciolotti che si stringonoi tra le nostre braccia, che ci tengono stretta la manina per strada, che ci dicono: "Sei la mamma più bella del mondo!"

Avremo con loro un rapporto diverso, ma che può essere ugualmente affetturo, basato sulla condivisione e sul rispetto reciproco. Non perderemo il piacere di fare delle cose insieme ma saranno cose diverse. Impareremo ad accettare che non possiamo disciplinare la loro vita ma possiamo solo dar loro dei consigli aiutandoli anche ad affrontare decisioni da soli.

Ci saremo. Sempre. Comunque. Perchè continueranno ad avere bisogno di noi.

 

Condividi